La Pec per inviare fatture elettroniche: ecco perc…

L’uso della PEC consente in maniera più sicura e t…

Il decalogo sulla PEC pubblicato su Corriere.it

E' stato pubblicato su Corriere.it il decalogo sul…

Smart Contract ed obbligazioni contrattuali: forma…

E' stato pubblicato su blockchain4innovation.it un…

Nuovo schema di decreto Gdpr, che cambia: soggetti…

Un analisi dello schema di adeguamento del Codice …

Valutazione di impatto GDPR (DPIA), impariamo dagl…

Il Garante privacy belga ha pubblicato gli elenchi…

3 maggio 2018: seminario gratuito in Camera di Com…

Il 3 maggio 2018 dalle 14:00 alle 18:00 si svolger…

Intelligenza artificiale, la via dell’Europa su re…

Su agendadigitale.eu un mio intervento sulla strat…

GDPR e eIDAS spingeranno le PA italiane verso SPID…

Per rispettare GDPR e eIDAS le PA saranno costrett…

«
»

Firma digitale, come cambierà in Italia dopo eIDAS

Su ForumPA è stato pubblicato un mio articolo sugli impatti di eIDAS nel mondo della firma digitale.

In particolare, si affronta il tema della convalida delle firme elettroniche per fare il punto della situazione attuale in merito a tecnologie e formati, ed esaminare quali potranno essere gli sviluppi futuri sulla base delle previsioni del Regolamento (UE) n. 910/2014 che disciplina i servizi fiduciari di convalida “semplice” e convalida qualificata di firme elettroniche qualificate.

Eidas, infatti, prevede che il certificato qualificato debba essere “valido al momento della firma”. I servizi di convalida riconosciuti dall’ordinamento italiano non forniscono tale tipologia di verifica, quindi l’Italia dovrà adeguare la normativa prevedendo che il momento di generazione della firma venga attestato all’interno del documento informatico.

Questo il link:

http://www.forumpa.it/pa-digitale/documenti-firma-digitale-ecco-come-cambiera-in-italia-dopo-eidas

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: