GDPR, cos’è il “legittimo interesse” e come si app…

Il nuovo regolamento privacy GDPR cambia qualcosa …

Documento informatico, come cambia con il nuovo CA…

Per la prima volta, con il testo appena andato in …

Cad, ecco il nuovo ruolo di Spid (anche con blockc…

Con il nuovo Cad appena andato in Gazzetta Ufficia…

Bitcoin, tutti i nodi da sciogliere nel 2018

La scalabilità e i fork in gioco. Il bisogno di re…

ICO Initial Coin Offering: una ricostruzione giuri…

Le ICO vanno di moda oppure sono destinate ad esse…

Cibersicurezza su vasta scala, come la Ue riorgani…

La nuova politica per la cibersicurezza dell'Union…

Blockchain e Pubblica Amministrazione

Su agendadigitale.eu è stato pubblicato il mio art…

Blockchain, i tre approcci per governarla

Anche su Agendadigitale.eu è stato ripreso l'artic…

«
»

Startup: niente più notaio

E’ di oggi la notizia (reperibile qui) circa la firma dal parte del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, del decreto che introduce la possibilità di costituire una startup innovativa mediante un modello standard tipizzato con firma digitale, ferma restando la possibilità di costituire la società per atto pubblico.

Ora si attende il successivo decreto direttoriale con cui verrà approvato il modello informatico e la modulistica per la trasmissione e iscrizione al Registro delle imprese, direttamente compilabile online.

Gli atti potranno essere redatti direttamente dai soci della startup oppure avvalendosi dell’Ufficio del Registro delle imprese che autenticherà le sottoscrizioni e procederà in tempo reale all’iscrizione, permettendo la nascita della società contestualmente all’apposizione dell’ultima firma.

Almeno per le Startup, quindi, la procedura di costituzione della società si semplifica notevolmente, eliminando i costi oggi previsti per la redazione dell’atto pubblico e consentendo l’immediata costituzione della società.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: